TEATRO bambini 10-13 anni

Barbara

Il metodo usato da Barbara Scaringella si ispira alle teorie di Konstantin Sergeevic Stanislavskij, rielaborati poi da Lee Strasberg, sul concetto dell’ immedesimazione totale nel personaggio.
Secondo questo metodo l’attore non “recita” un ruolo, non “interpreta” un carattere, ma “diventa” il personaggio.

 

Laboratorio bambini

Applicare questo metodo ai laboratori per bambini ha costituito una sfida entusiasmante, ma anche difficile.
L’ osservazione è la chiave di tutto. Osserviamo i bambini, cerchiamo di comprendere le caratteristiche di ognuno di loro per costruire una sceneggiatura e uno spettacolo originale scritto apposta per loro.
Questo permette agli allievi di imparare facendo.

Scriviamo la sceneggiatura insieme a loro, gli facciamo vedere come nascono i dialoghi, gli spieghiamo perchè in una certa situazione devono usare un certo stato d’animo, cerchiamo di farli diventare consapevoli delle emozioni che vivono, finalizzando allo spettacolo finale ogni esperienza fatta durante il laboratorio.

Usiamo anche le inevitabili competizioni e i piccoli conflitti che si creano (del resto sono bambini) proprio per stimolare in loro la voglia di capire le origini delle emozioni e dunque poterle riutilizzare durante la recita.

Gli allievi in questo modo sono motivati a entrare e rimanere nel personaggio. Ogni gesto è dedicato a far capire qualcosa, a comunicare col pubblico e deve essere giustificato.
Il laboratorio è una immersione totale nell’ ambiente del teatro con tutte le sue implicazioni: la regia, le luci, le scenografie, la colonna sonora, i costumi, i copioni, le attrezzature di scena, le tecnologie audio e video.

Naturalmente ogni esperienza è guidata in modo da adattare le nozioni al linguaggio e all’ universo espressivo dei bambini, ma in generale il laboratorio nasce senza limiti di alcun tipo.

L’unica regola è quella del rispetto reciproco: non ci sono protagonisti, tutti sono ugualmente importanti, e il gruppo cresce insieme.